Stampa

Servizio Sanitario Nazionale

Scritto da Rocco Carbonetti.

 

La sanità italiana sempre più precaria.
E’ oramai già in atto una fase chiamata di “ristrutturazione” della sanità nazionale ma di ristrutturato c’è molto poco; c’è invece in atto una fase di ridistruzzione di quel poco ch’era rimasto del vecchio servizio sanitario. La Sanità Italiana è uno dei servizi più cari che noi cittadini paghiamo, in molti altri paesi con molto meno hanno servizi migliori. Non voglio né stò a citare dove questo avviene … sarebbe sin troppo vergognoso per quest’Italia. Seguendo queste ridistruzzioni..pardon ristrutturazioni prendo in esempio la sanità abruzzese anche perché … abito in Abruzzo….
Nel giro di pochi mesi sono stati chiusi servizi ospedalieri laddove sono stati chiusi o chiuderanno anche ospedali che offrivano e davano sul territorio un buon servizio all’utenza; cito a caso nomi di città con ospedali che hanno avuto menomazioni sui servizi, con tagli di posti letto, servizi e specializzazioni… Sulmona… Guardiagrele… Ortona ... Casoli… Gissi… Pescina… Tagliacozzo …. San Valentino…Popoli… Penne e via così dicendo…
Ora vero che non tutti gli ospedali sono stati chiusi ma

dei servizi importanti sono stati eliminati con gravi disagi delle popolazioni residenti… i pronto soccorso….con annesse cardiologie….i punti nascita con rischi di parti nei posti più disparati… le ortopedie…..ecc. ecc.
Sono restati gli ospedali più importanti diciamo a fare le prestazioni di emergenza oltre a quelle ordinarie che già avevano ed hanno con notevole aggravio e carico di lavoro; parlando nello specifico dell’Abruzzo Chieti…Pescara….Teramo… l’Aquila…Lanciano…
Centri che, data la complessità orografica del territorio non sono raggiungibili in tempi ragionevoli di primo intervento o soccorso…
Ecco … Abruzzo e pronto soccorso… Parlando con un amico che si occupa di volontariato e pronto soccorso in Abruzzo mi dice….: i tempi previsti di intervento per un pronto soccorso di emergenza devono essere stimati fra 15 …max 20 minuti….Nelle attuali condizioni, abbiamo grosse difficoltà per poterlo fare. … per le distanze…. per le condizioni di viabilità…. per la mancanze di personale medico a bordo di ambulanze delle croci varie sul territorio… L’eli soccorso va bene se le condizioni meteo sono buone e se il pilota è abilitato ai voli notturni.
Ecco quale sarà il futuro della sanità? Un mio parente che vive in Germania qualche settimana fa mi diceva…
“vedi io (ma tutti i tedeschi) ogni anno facciamo due controlli odontalgici e laddove necessario intervengono non paghiamo nulla… continuando mi dice anche… questo è solo uno dei tanti controlli sanitari ai quali noi tedeschi possiamo accedere senza pagare …. “
E poi ci sono persone che ti vengono a dire che la sanità italiana è un’eccellenza …!! Ma poi in Europa la sanità non dovrebbe essere unica?
Nel frattempo bambini incapaci muovono in un teatrino sanitario burattini senza fili…

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna